Laptop con dashboard di Wordpress
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

5 Motivi per creare un sito

Perché dovresti investire dei soldi o del tempo nella realizzazione di un tuo sito? Quali sono i vantaggi tangibili che ti può portare? È realmente necessario averne uno?

1# Non restare indietro

Preferiresti correre il GP di monza con una panda o con una Ferrari?

Devi dotarti degli stessi strumenti degli altri per poter dare al tuo talento la possibilità di farti emergere.

Per capire meglio che tipo di auto guidano i tuoi competitor potresti fare un gioco.

Prova a fare una breve ricerca su google nella tua zona per cercare attività simili alla tua: che tu sia un barbiere, un panettiere o un dentista di sicuro troverai qualcuno che fa la tua stessa attività, che si pubblicizza nei tuoi stessi modi, MA ha qualcosa in più.

Attraverso la sua pagina Facebook o Google maps è linkato il suo sito web, che tu non hai o che magari hai trascurato.

Quindi la domanda che ti faccio è: se tu e i tuoi competitor vi pubblicizzate negli stessi modi, ma a questi metodi lui ne aggiunge uno, chi è più probabile che venga trovato?

È una questione statistica, più cerchi di farti vedere più sarai visto.

Tuttavia non è un motivo sufficiente per decidere di costruire un sito professionale, vediamo quali altri vantaggi potresti avere.

#2 L’occhio vuole la sua parte

Immedesimati in un tuo cliente: preferiresti leggere i dettagli sui tuoi servizi da un anonimo post di Facebook o da una pagina con grafiche accattivanti da cui emerge la tua idea di brand?

Avere pagine godibili, anche nella navigazione, è un valore aggiunto enorme, se riesci ad intrattenere i visitatori il nome della tua azienda verrà ricordato molto più facilmente.

Inoltre sarà molto più facile accedere alle informazioni ricercate tramite una struttura studiata ad hoc, rispetto a dover scrollare all’infinito su un profilo social.

La maggior reperibilità delle informazioni, unita al forte branding aiuterà i possibili clienti ad entrare in contatto con te più velocemente e a fidarsi con maggiore facilità.

#3 Ti fa conoscere i tuoi clienti

“Tortura i dati, confesseranno tutto” diceva Ronald Coase, e aveva ragione.

Tramite tool analitici come Google Analytics o Facebook Pixel, potrai avere preziose informazioni sulla tua clientela.

Potrai farti un’idea più precisa di chi è il tuo cliente tipo, in modo da poter adattare le tue strategie di marketing sulla base di queste informazioni.

Oltre a questo potrai sfruttare i dati forniti da questi strumenti per promuoverti anche tramite le sponsorizzazioni pagate di Facebook o Google, cercando di raggiungere le persone che potrebbero essere maggiormente interessate alla tua attività.

#4 Inbound marketing

“Content is King”, i contenuti (di valore) regnano, il primo a rendersene conto è stato nientemeno che Bill Gates nel 1996.

Ma perché? Beh, immagina internet come un oceano di informazioni, puoi trovare di tutto, dai siti spazzatura alle enciclopedie online. E allora ecco che per emergere è fondamentale dare un contributo utile.

La gente cerca contenuti che possano servire a risolvere un problema, che diano informazioni di valore, e Google cerca di aiutarli a trovarli, dando maggiore visibilità a chi si mostra in grado di aiutare gli altri.

L’inbound marketing è proprio questo, anziché andare da qualcuno per cercare di vendergli qualcosa, cerchi di renderti utile senza chiedere niente in cambio, così saranno le persone a cercare te al momento del bisogno.

Un esempio di inbound marketing è questo articolo, ti sto offrendo delle informazioni gratuitamente e tu potrai sfruttarle sia se scegliessi di appoggiarti a me, sia se scegliessi di farti un sito da solo o se dovessi preferire un mio competitor.

Pubblicare articoli, video, podcast o qualunque altra cosa riguardanti il tuo campo mostra prima di tutto passione per quello che fai, in secondo luogo aiuta a rendere la tua azienda un riferimento nel settore: se qualcuno a cui non servono i tuoi servizi dovesse conoscerti ora grazie ai tuoi contenuti, quando ne avrà bisogno saprà da chi andare.

#5 Una piattaforma tua

Può sembrare scontato ma in realtà non è una cosa di poco conto: il tuo sito è solo tuo.

Su Facebook puoi pubblicare quello che vuoi, se lo vuole anche Facebook. Sarai sempre soggetto alle loro policy e se qualcosa dovesse andare storto potresti essere penalizzato o bannato, vedendo cancellata la tua pagina e perdendo i tuoi follower.

Sul tuo sito invece sei tu il capo, sei tu a fare le regole, a moderare i commenti e a decidere cosa può essere pubblicato e nessuno potrà fartelo chiudere (nei limiti della legge, ovviamente).

E in caso di problemi con i social, che rimangono comunque fondamentali, potrai facilmente salvare parte del tuo pubblico proprio grazie al tuo sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.